martedì 16 aprile 2013

SCONTRO TRA TITANI

Il tuo giudizio : 
4 COMMENTA LA NOTIZIA

FINALMENTE !!!!
DOPO NEVE , FREDDO , VENTO , E PIOGGIA .....A IOSA , UN PERIODO DI METEO STAZIONARIO E BUONO …COSI IO E MATTEO “VOLIAMO” SU’ IN OSSERVATORIO
E ALLE 19:20 CIRCA , GIA’ STIAMO SCARICANDO IL NECESSARIO PER PASSARE LA SERATA : CIBO , ATTREZZATURA..ETC ETC . OBBIETTIVI DELLA SERATA : UN SALUTO FOTOGRAFICO A GIOVE PRIMA CHE CI “ABBANDONI” , UN OGGETTO DI MESSIER DA SCEGLIERE, POI IL RITORNO DI SATURNO ( AD UN ELEVAZIONE DECENTE…)
DOPO AVER PLACATO IL NOSTRO APPETITO , PUNTIAMO SUBITO IL BESTIONE SU GIOVE .
IL GIGANTE , CI MOSTRA UNA BELLA VERSIONE DI SE’ , FERMO E DEFINITO COME NELLE MIGLIORI OCCASIONI , ANCHE AD ALTI INGRANDIMENTI .
SI PARTE PER IL SET FOTOGRAFICO. ( NB : QUANDO E’ BUIO , GIOVE E’ GIA’ BASSINO , VERSO IL SUO TRAMONTO…)
DOPO CIRCA 4000 RAPIDISSIMI SCATTI ( A STEP DI 500..E CON TANTO DI APPARIZIONE DELLA MACCHIA ROSSA…) , LASCIO “IL CAMPO LIBERO” A MATTEO PER SBIZZARRIRSI” NELLA SUA PASSIONE FOTOGRAFICA DEL DEEP SKY
In questo periodo c’è un gruppo di galassie poco visibili al telescopio e di piccole dimensioni, all’interno della costellazione del Leone… ecco trovato il difficile soggetto che impressionerà il sensore della D300 mediante il ‘piccolo’ Borg.
L’immagine finale che potete vedere è una somma di 6 fotogrammi da 8 minuti ciascuno e 7 dark frame (quest’ultimo tipo di foto serve ad abbassare il livello di rumore ‘elettronico’).
Nel trio al centro dell’immagine sono visibili NGC3389 (mag 11,8) a sinistra mentre più in alto NGC3384 (magnitudine 10); la galassia più in basso è M105 (mag 9,3).
Spostandosi verso il basso possiamo vedere M96 (mag 9,2) e da qui, nella direzione dell'angolo inferiore sinistro della foto, quasi sul bordo inferiore, c'è una galassia di cui al momento ignoriamo il nome, impegnandoci alla sua ricerca appena possibile…
In alto a destra è visibile la piccolissima NGC3367 (mag 11,5), mentre quasi invisibile è NGC3338 praticamente sul bordo destro della foto: è necessario ingrandirla per vederla.
dopo questo bellissimo "ammaso" di galassie , il signore degli anelli , reclamava le nostre premurose attenzioni .
una volta inquadrato , il gassoso con gli anelli , figurava elegante e spettacolare , risultando assai fermo e definitissimo nei dettagli......una meraviglia insomma.
ccd alla mano , ci dilettiamo ( "orfani " di Diletta...ma quanto ci e' mancata...) in una serie di circa 3000 scatti , per i primi esperimenti fotografici su saturno .
questa serata ha sancito un ideale passaggio di consegne , tra i due pianeti giganti , che si scambiano il dominio del cielo...mentre giove abdica pian piano , tramontando sempre prima , saturno domina la scena notturna..
all'una e quaranta circa....decidiamo che e ora di tornare a casa stanchi ..ma contenti .
di seguito quindi , osserveremo giove , le galassie "di matteo " e un esperimento di saturno...
                                         ecco giove
la macchia rossa fa' capolino....
la macchia rossa si sposta rapida...
 L'ammasso di galassie...di matteo
Saturno

  By matthew & Alfred

martedì 9 aprile 2013

VENERDI' 12 APRILE : Comete e asteroidi contro la Terra !

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Appuntamento importante e di grande attualità (anzi... è SEMPRE di attualità anche se ve ne volete dimenticare!).

Il consueto appuntamento con le stelle di questo SECONDO VENERDI' del mese di APRILE è confermato con l'autorevole partecipazione del Dr. LUIGI FOSCHINI, ricercatore dell' INAF - ISTITUTO NAZIONALE di ASTROFISICA all'Osservatorio Astronomico di BRERA.

Ad accrescere il nostro piacere personale va ricordato che il Dr. Foschini è anche uno dei fondatori della nostra associazione e quindi, a maggior ragione, riveste anche un ruolo di socio particolarmente prestigioso del quale amiamo essere orgogliosi.

Scusateci se sottolineiamo cose che possono sembrare vanesie (?) ma ai nostri giorni, riteniamo raro che una passione per la scienza e soprattutto per la ricerca scientifica possa divenire anche il vero e proprio ambito lavorativo... ed i riconoscimenti ed attestati di stima accumulati dal nostro Dr. FOSCHINI ci permettono di non essere soggetti a "critiche" quando ci permettiamo di lodarlo.

A parte l'incensamento, restano l'importanza del tema e il peso scientifico delle argomentazioni e delle spiegazioni tecniche del relatore che ha un'esperienza nel merito.

IMPATTI DI ASTEROIDI E COMETE CON LA TERRA !

Non mancate quindi all'appuntamento (ditelo anche agli amici!) che non mancherà anche di fare il punto della situazione sul recentissimo e importantissimo evento meteoritico/asteroidale russo che ha riportato alla ribalta in modo clamoroso e senza precedenti la tematica dei rischi di impatto che il nostro pianeta vive costantemente difeso dalla sua preziosa atmosfera ma che non può esimersi da una soglia di attenzione assoluta e continua, in barba a budget e crisi economiche di chichessia.

...vi basta come spunto di riflessione?

VI ASPETTIAMO !!!

AULA MAGNA LICEO DI LUGO
Ore 20.45
Viale degli Orsini, 6 - 48022 Lugo
(nel viale della Stazione per intenderci!!!)

NOTE : L'Istituto Nazionale di Astrofisica (o INAF) è il principale ente di ricerca italiano per l'Astronomia e l'Astrofisica. Raccoglie l'eredità culturale, e anche storica, degli osservatori astronomici ed Istituti italiani già del CNR che vi afferiscono.
Il campo delle ricerche svolte in ambito INAF si estende a tutto l'arco delle scienze dell'Universo, dagli studi del sistema solare alla cosmologia, sia dal punto di vista osservativo e sperimentale che teorico. L'INAF mantiene anche una stretta collaborazione con gli altri organismi che svolgono ricerca astronomica in Italia e all'estero, in particolare con l'INFN, per l'astrofisica delle particelle, l'ASI, l'ESA e la NASA.

lunedì 8 aprile 2013

La Cometa ISON osservata con Swift

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Qualche giorno fa, la NASA ha rilasciato un comunicato stampa relativo all'osservazione della cometa ISON (2012 S1) con il satellite Swift (si veda anche questa campagna). I dati si riferiscono a un'osservazione effettuata lo scorso 30 gennaio 2013. Poiché i dati di Swift sono pubblici, li ho scaricati, riprocessati, rianalizzati, e qui di seguito vi mostro i risultati. 

Ci sono dati degli strumenti XRT (X-Ray Telescope) e UVOT (UltraViolet Optical Telescope), ma nei 2600 secondi di esposizione su XRT non risulta alcuna traccia della cometa, mentre si può vedere con UVOT. UVOT è un piccolo telescopio da 30 cm, ma ovviamente operando nello spazio ha prestazioni molto elevate arrivando a magnitudine B = 22 in 1000 secondi di esposizione. 



La prima immagine è la somma di due osservazioni separate da circa 1.5 ore effettuate con il filtro V (547 nm). La prima immagine è stata effettuata alle 05:43 UT con esposizione di 360 s, mentre la seconda è stata fatta alle 07:11 UT con esposizione di 300 s. Si nota chiaramente il moto della cometa rispetto alle stelle circostanti. Per dare un'idea della magnitudine, si può confrontare con la stella che si trova circa a metà delle due posizioni della cometa. La magnitudine V misurata con UVOT è 16. 


La seconda immagine è stata invece presa con il filtro ultravioletto UVW1 (260 nm) alle 05:49 UT (1040 s) e alle 07:16 UT (980 s). Questa volta, la cometa è molto più debole e ho dovuto smanettare un po' per tirare fuori qualcosa di decente. La stella di riferimento ha magnitudine UVW1 misurata con UVOT pari a 17.8. 

Al tempo delle immagini, la cometa distava dalla Terra circa 4 UA (circa 600 milioni di km).   
 

domenica 7 aprile 2013

Che spettacolo ... per chi lo può osservare.

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Vi posto solo la foto... i commenti non riesco ad esprimerli !

Foto by pavel on April 4, 2013 @ Russia, Komi Republic, 40 miles from Syktyvkar 

giovedì 4 aprile 2013

Una cometa fotogenica : una cometa... galattica!

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

COMET-GALAXY : Dove finisce la cometa e dove inizia la galassia? Non c'è nessuna chiara linea di demarcazione in questa immagine della cometa Pan-STARRS e la Galassia di Andromeda ripresa ieri sera dall'astrofilo Vesa Vauhkonen di Rautalampi, Finlandia:



"La Cometa PanSTARRS e Andromeda quasi si toccavano!", dice Vauhkonen. "E 'stato uno spettacolo impressionante eseguire la foto dal lago ghiacciato di Konnevesi, vicino a Rautalampi."

In realtà, nessun contatto fisico è verificato... ovviamente!!! La cometa è "tranquillamente" nel sistema solare, mentre il sistema a spirale di stelle di Andromeda è "appena" a 2,5 milioni di anni luce di distanza. La congiunzione è solo apparente, siccome la Pan-STARRS passa a pochi gradi da Androme durante questa settimana.

Sia la cometa che la galassia sono appena visibili ad occhio nudo come deboli macchie sfocate nel cielo occidentale dopo il tramonto. Per trovarli, scrutate il cielo con un binocolo o impostate il telescopio con un "GO TO" per "Andromeda" (se l'avete computerizzato).

In ogni caso dovrete avere complice anche il meteo locale poichè l'Italia in questo periodo ha ben poco di che rallegrarsi sotto il punto di vista della possibilità di scorgere qualcosa di diverso da nuvole, pioggia e variabilità velate. 

Magari un colpo di fortuna potrebbe aprirvi una finestrella sulla luminosa coppia! 

Il colpo d'occhio che offre il cielo è sicuramente affascinante... riuscendo a scorgerlo...

Foto Vauhkonen - Cometa PanStarrs dalla Finlandia !



lunedì 1 aprile 2013

Eventi astronomici del mese - Aprile 2013

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Questi i principali eventi astronomici del mese di aprile 2013.
Luna
3 aprile: ultimo quarto di Luna (ore 06e39 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 368˙108 km
10 aprile: Luna nuova (ore 11e38 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 387˙118 km
18 aprile: primo quarto di Luna (ore 14e33 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 397˙168 km
25 aprile: Luna piena (ore 22e00 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 362˙613 km
Piogge meteoriche
21-22 aprile: Liridi
Le date attive vanno dal 19 al 25 aprile. Corpo progenitore: cometa C/1861 Thatcher; frequenza massima 16-30 meteore/ora.
Siccome il radiante si trova in una costellazione tipicamente estiva (vedere immagine), sarà sufficientemente alto solo nella seconda parte della notte quando la Luna va a tramontare, non disturbando quindi le osservazioni.
Pianeti
Mercurio, appena passato alla massima elongazione occidentale; è tuttavia visibile con difficoltà all’alba tra est e sudest a causa della scarsa inclinazione dell’eclittica. Verso fine mese si avvicina rapidamente alla nostra stella e scompare tra le luci del crepuscolo.
Venere, transitato in congiunzione superiore con il Sole negli ultimi giorni di marzo, risulta praticamente inosservabile per tutto il mese a causa della vicinanza con la nostra stella.
Marte è in congiunzione superiore con il Sole il 18 aprile, per cui risulta inosservabile per l’intero mese, sempre a causa della notevole vicinanza al Sole.
La visibilità serale di Giove è in costante diminuzione, tuttavia ancora a fine mese tramonta poco più di due ore dopo il Sole ed è ancora facilmente rintracciabile tra le corna del Toro, dove brilla con magnitudine -2.
Saturno è visibile per l’intera notte nella costellazione della Bilancia. Infatti il 28 aprile è all’opposizione rispetto al Sole, per cui sorge quando la nostra stella va a tramontare.
Urano è inosservabile per tutto il mese a causa della vicinanza angolare con il Sole.
Nettuno è osservabile, naturalmente con l’ausilio di un buon binocolo o di un piccolo telescopio, la mattina, verso sudest, tra le stelle Iota e Theta (Ancha) della costellazione dell’Acquario. Rimane pur sempre impresa difficile, dal momento che il lontanissimo pianeta, pur anticipando il sorgere del Sole di almeno un paio d’ore, rimane piuttosto basso sull’orizzonte.
Altri fenomeni
8 aprile: congiunzione Luna-Mercurio, all’alba, tra est e sudest. Una sottilissima falce lunare (fase calante al 5%) accompagna il sorgere del più piccolo e veloce pianeta del Sistema Solare. Configurazione affascinante ma difficile da osservare, per la notevole vicinanza di entrambi gli oggetti all’orizzonte.
14 aprile: congiunzione Luna-Giove, al tramonto del Sole, tra ovest e nordovest. Una sottile falce lunare (fase crescente al 18%) accompagna il tramonto del pianeta Giove, tra le corna del Toro. Poco sotto, assiste all’incontro la stella Aldebaran, mentre più ad occidente le Pleiadi vanno a tramontare.
25-26 aprile: congiunzione Luna-Saturno. Il nostro satellite naturale, con fase piena, sorge insieme a Saturno e lo accompagna in cielo per l’intera notte.
Attività Antares
Venerdì 12 aprile, ore 20e45SerAntares
Liceo Scientifico di Lugo “G. R. Curbastro"
"Impatti di asteroidi e comete con la Terra”
Conferenza del Dott. Luigi Foschini
(Seguirà locandina)
By Daniela e Angelo