sabato 29 giugno 2013

Margherita Hack ci ha lasciati

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
A 91 anni appena compiuti la signora delle stelle piú famosa in Italia ci ha lasciati per raggiungere illustri colleghi nel palco d'onore e continuare ad osservarci da lassú.

C'ė giá chi é convinto che, da atea quale teneva sempre a dichiararsi, stia già verificando le proprie convinzioni... scientificamente. Non é ovviamente una critica bensì la riaffermazione di quanto lei ribadiva instancabilmente ovvero l'assoluta autorevolezza del l'approccio scientifico.

Non tutti hanno sempre apprezzato le sue dichiarazioni ma come personaggio e per l'azione e l'opera svolta per la divulgazione dell'astronomia rappresentava era indiscussa protagonista ed esempio per tutti.

Lascia un vuoto ora ma siamo convinti che esistano moltissime giovani Hack pronte a raccogliere il testimone e continuare a portarlo verso nuovi traguardi.

Intanto salutiamo Margherita con affetto.


giovedì 27 giugno 2013

Serata di foto di costellazioni all'Osservatorio di Monteromano, con prospettiva...particolare

Il tuo giudizio : 
2 COMMENTA LA NOTIZIA
Ieri sera mi trovavo a Monteromano, e inaspettatamente il cielo si è mantenuto libero dalle nuvole... Allora ho deciso di effettuare qualche scatto semplice, giusto cavalletto e la mia Nikon D5000 armata del suo fido Tokina 11-16.

Il risultato è stato piuttosto soddisfacente, nonostante il cielo non fosse nerissimo, vuoi per qualche velatura che per l'incombente sorgere di una grande luna...

Per fare le foto, ho deciso di utilizzare il punto più elevato possibile...il tetto dell'osservatorio! Come  del resto si può evincere dalle prospettive delle foto! In quella verticale potete divertirvi a cercare...la Polare (ma anche nella prima), mentre in quella a "specchio" è aperta la caccia ad Antares!





:)

Alla prossima!

Enrico

mercoledì 26 giugno 2013

Importante provvedimento di tutela proposto dalla Soprintendenza per Monte Romano (e l'osservatorio!!!)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Cari soci, lettori, simpatizzanti e visitatori occasionali, Vi facciamo partecipi di quanto pubblicato nell'Albo Pretorio del Comune di Brisighella, invitandovi a prendere atto dei documenti citati e consultarli.

Si tratta di un provvedimento IMPORTANTISSIMO che vedrebbe tutelare in modo esemplare il patrimonio paesaggistico di Monte Romano preservando ciò che da oltre un decennio stiamo cercando di valorizzare con il solo nostro VOLONTARIATO e l'impegno profuso nelle attività del nostro Osservatorio Astronomico e che, è giusto che sappiate per dovere di cronaca e correttezza di informazione che dal 2012 non viene più sostenuto nemmeno con minimo contributo (e vi garantiamo che era veramente minimo!) dalla pubblica amministrazione locale in evidente e palese contrapposizione di interessi come documentato anche dalle dichiarazioni espresse dai propri rappresentanti alla stampa locali in diverse occasioni.



panoramica EST-SUD-EST dall'osservatorio (prima dell'alba)
Alle azioni di palese aggressione contro l'Osservatorio Astronomico ed alla propria attività offerta al pubblico, abbiamo risposto con le sole armi a nostra disposizione ovvero la pubblicizzazione di quanto si stava perpetrando a nostro danno o comunque in assenza di una qualunque forma di concertazione (mai cercata fino a quando non abbiamo esposto autonomamente le nostre obiezioni su i progetti in essere).


Fulmini sulla pianura lughese visti dall'Osservatorio
Abbiamo evitato di replicare a dichiarazioni scomposte e pretestuose così come abbiamo provveduto a inviare e depositare memorie e documenti giustificativi di quanto noi reputiamo necessario tenere in considerazione prima di procedere a violentare un territorio e un paesaggio unico che deve essere tutelato e valorizzato come patrimonio della comunità intera e non solo locale.

Alba in direzione EST-NORD-EST dall'osservatorio
Nonostante le nostre misere e limitatissime risorse economiche (!) abbiamo sostenuto anche spese legali per difendere il nostro lavoro e il sogno che abbiamo realizzato con tanta fatica e ancor maggior passione. La battaglia non è certamente finita e non ci facciamo facili illusioni ma non intendiamo lasciar campo libero a speculatori e politici che si sentono liberi di ignorarci ritenendo il nostro volontariato e i nostri principi indegni di una qualunque considerazione e ancor più ci ha offeso la mancanza di considerazione che è stata data al valore del paesaggio fruibile soprattutto dal nostro sito.
Il cielo notturno da proteggere !!!
Molte parole sono state spese, molte sciocchezze sono state pronunciate sull'argomento e ancora oggi circolano beatamente, tuttavia noi siamo qui a riaffermare la serietà con la quale abbiamo sempre svolto la nostra attività documentando ciò che facciamo affinchè siano i fatti a parlare e non le chiacchiere diffuse ad arte, così come chiunque ha già potuto verificare venendo a trovarci in Osservatorio.

A fronte di quanto trovate sotto pubblicato invitiamo tutti coloro che si sentono motivati e innamorati del luogo così come lo siamo noi, a depositare alla Soprintendenza di Ravenna (vedasi indicazioni nei documenti) le proprie osservazioni ed esprimere palesemente la propria opinione in merito a questo importante argomento.

Albo Pretorio (per accedere direttamente bisogna transitare dal sito del comune di Briighella)
Dettaglio pubblicazione

Numero Pubblicazione
305
Anno Pubblicazione
2013
Mittente
COMUNE DI BRISIGHELLA
Tipo Atto
Comunicato
Registro Generale
0
Oggetto Atto
LOCALITA' MONTE ROMANO. PROPOSTA DI TUTELA PAESAGGISTICA AI SENSI DELL'ART. 136, COMMA 1, LETT. C) e D) DEL D.Lgs 42/2004 e s.m.i. ATTIVAZIONE PROCEDIMENTO.
Data Atto
Data Inizio Pubblicazione
15/05/2013
Data Fine Pubblicazione
13/08/2013
Documento
File Documento -SOPRINT AvvioTutelaMteRomano COMUNICATO.pdf
Allegati
 Allegato Allegato -TUTELA MONTE ULTIMO.pdf





Comune di Brisighella
Provincia di Ravenna

COMUNICATO

OGGETTO: Località Monte Romano. Proposta di tutela paesaggistica ai sensi dell’art. 136, comma 1, lett. c) e d) del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i.

Attivazione procedimento.

Si comunica che nota prot. 6950 del 26 aprile 2013 la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini ha comunicato la proposta di tutela paesaggistica ai sensi dell’art. 136, comma 1, lett. c) e d)dell’area ricompresa, verso Sud, tra la provincia di Firenze, via Valnera, parte di via Monteromano e la S.P. 302 Brisighellese, verso Nord tra la S.P. 302 Brisighellese, via corneto, via Fornazzano e parte della strada forestale Canova dei Topi, così come meglio individuata nella documentazione relativa alla proposta allegata alla comunicazione.
Ai sensi dell’art. 139 del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i.,la presente viene pubblicata per 90(novanta) giorni all’albo del Comune e, a partire dal primo giorno di pubblicazione, decorreranno gli effetti di cui all’art. 146 comma 1.
Entro i 30 (trenta) giorni successivi al periodo di pubblicazione di cui sopra, “I comuni, le città metropolitane, le province, le associazioni portatrici di interessi diffusi....
omissis
..., gli altri soggetti interessati possono presentare osservazioni e documenti alla regione ....” 
Le eventuali osservazioni e documenti dovranno essere inviate alla competente Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini con sede a Ravenna e in copia alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia – Romagna con
sede a Bologna.
Il materiale relativo alla proposta di tutela, ai fini della consultazione, è integralmente depositato presso il Comune di Brisighella – Settore Edilizia Privata e Urbanistica e in parte
allegato alla presente.

========================================

Aggiungiamo un LINK al sito della REGIONE EMILA ROMAGNA sempre relativo alla richiesta di vincolo:


Località Monte Romano a Brisighella, provincia di Ravenna

La proposta è stata presentata dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le provincie di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini ai sensi dell'articolo 136 comma 1, lett c) e d) del D.Lgs 42/2004 e s.m.i. Attivazione del procedimento art.141 del D.Lgs 42/2004 e s.m.i
L'area si colloca all'estremità sud-ovest della Provincia di Ravenna, ai confini con il comune di Casola Valsenio e la provincia di Firenze. Questo ampio contesto paesaggistico, che si distingue dal vasto intorno, si caratterizza come un insieme armonico, ricco di sfondi panoramici fruibili da diversi punti di vista.

sabato 22 giugno 2013

Bolide spettacolare del 21/06/2013

Il tuo giudizio : 
2 COMMENTA LA NOTIZIA
Clamoroso bolide avvistato in Romagna da molte persone nella calda serata di ieri 21 giugno 2013 alle 22;21 circa (TL).

Da testimone oculare posso dare Magnitudine stimata -6 / -7.

Colore bianco, giallo rossastro meteora con traiettoria lunghissima, a forma iniziale di goccia poi frammentatasi in più parti. Nessun rumore udito.

Lo spettacolo è stato notevole e anche chi non era rivolto verso il fenomeno ha avuto il tempo di essere richiamato dalle grida di stupore e meraviglia chi lo stava guardando. La ricostruzione è riepilogartiva e per renderla fedele bisognerebbe realizzare molti fotogrammi e animarli data la complessità dell'evoluzione. In ogni caso ha avuto la possibilità di essere pienamente visibile nonostante una Luna quasi piena e accecante. Chi avesse altre segnalazioni può segnalarcele. Occhio al cielo!

Ferruccio Zanotti da Ferrara ci trasmette le immagini e il video della meteora intercettata dal suo sistema di monitoraggio !
AGGIORNAMENTO : IMMAGINI E VIDEO DEL BOLIDE !

l'immagine riepilogativa dell'evento! Da Ferrara! Grazie FERRUCCIO !!!
E il video !!! Qui il bolide ripreso dalla stazione video IMTN di Ferrara  :

lunedì 17 giugno 2013

Saturno ed oggetto deep sky - 12 Giugno 2013

Il tuo giudizio : 
6 COMMENTA LA NOTIZIA


Il meteo della serata (12 Giugno) si prospettava molto buono e, a differenza dell’ultima volta, l’organizzazione per la partenza era stata migliore per cui alle 20.30 ero già in osservatorio, pronto a rimirare nel mezzo delle luci del tramonto, Venere ed il più difficoltoso Mercurio.
E’ semplice trovare e puntare il pianeta gemello della Terra, anche senza aiuti tecnologici, data la sua elevata luminosità (mag. -3,8): al rifrattore, con circa 55 ingrandimenti, appariva come un punto leggermente disturbato dalle turbolenze dell’atmosfera, data la bassa elevazione. La vista del pianeta con la temperatura media più alta del Sistema Solare (circa 450°C) era invece sconsigliata all’oculare del Cassegrain a 180x dove si evidenziava un notevole movimento dell’immagine.
Nel frattempo è arrivata Diletta accompagnata dall’immancabile simpatia e appena saputo cosa era inquadrato ai telescopi, è corsa a rimirare Venere.
Sfidando il tramonto, abbiamo poi cercato di inquadrare il debole Mercurio che vanta il primato di escursione di temperatura fra dì e la notte, circa 600°C. Utilizzando il piccolo cercatore per avere un campo visuale maggiore… eccolo apparire come una stella di mag 0,57 relativamente immobile. Dopo una rapida occhiata dal rifrattore al Cassegrain, era il turno di Diletta che fremeva per vedere per la prima volta i pianeti più interni del Sistema Solare: dopo qualche secondo di silenzio è riecheggiata la frase “ma si vede che Mercurio non è completamente illuminato!”. Preso da meraviglia e un po’ di invidia per la vista acuta della simpatica ragazza rispetto alla mia, rimetto l’occhio al telescopio rifrattore: effettivamente insistendo con la visione si poteva vedere il piccolo (è il caso di dirlo) Mercurio illuminato per metà.
Dopo un breve passaggio sulla Luna, sempre meritevole di sguardi con i suoi innumerevoli crateri da impatto, abbiamo effettuato in circa 5-10 minuti circa 1200 pose al gigante con gli anelli, ovvero Saturno: l’immagine risultante visibile di seguito non è delle migliori comunque più che soddisfacente visti i dettagli che vi si possono notare.

Saturno, 12 Giugno 2013 - 1200 scatti @ 50 ms - Atik Titan colore foc. 10m @ f/20

Ora, il breve ma intenso momento “planetario” era terminato ed impostando Arturo come astro di riferimento nel telescopio (stella α della costellazione del Bifolco, circa 20-25 volte più grande del nostro Sole), era possibile inquadrare con precisione qualsiasi altro oggetto del profondo cielo: il soggetto scelto per le riprese fotografiche è stata la nebulosa Anello nella costellazione della Lira (M57). Ciò che vediamo è più o meno la fine spettacolare che farà la nostra stella al termine della sua vita, fra circa 5 miliardi di anni, questo perché M57 è stato originata dall’esplosione di una stella di dimensione simile al Sole.
Dopo la preparazione ed il collegamento della strumentazione a pc e telescopio, abbiamo scattato complessivamente 40 istantanee da 1 minuto suddivise fra i 3 colori primari RGB + filtri OIII e HA: l’immagine finale, ottenuta integrando le foto con 20 dark frame realizzati al termine della serata, è visibile sotto: essa appare sufficientemente nitida e contrastata… davvero niente male!

M57, 40 scatti @ 60s - Atik 11000 + ruota filtri, foc. 2450mm @ f/5 (immagine ritagliata)

Arrivederci al prossimo oggetto!
Matteo e Diletta

lunedì 10 giugno 2013

Una Via Lattea...patriottica!

Il tuo giudizio : 
3 COMMENTA LA NOTIZIA
Al termine della serata pubblica di sabato, sono rimasto un oretta in osservatorio a godermi lo spettacolo del cielo..... la Via Lattea è saltata fuori in uno squarcio ampio tra le nubi, e armato di macchina fotografica e cavalletto ho provato ad immortalarla.... complice la bandiera che garriva al vento, il risultato finale è stato decisamente particolare!

Enrico

domenica 9 giugno 2013

Nottata di foto a Monteromano

Il tuo giudizio : 
7 COMMENTA LA NOTIZIA


Da un discreto numero di settimane non si vedeva il ciel sereno a Monteromano di venerdì, così dopo aver effettuato i preparativi necessari e guardato velocemente la webcam dell’osservatorio decido di partire. A favore dell’osservazione/ripresa celeste avevo la scarsa velocità del vento, sotto i 5 km/h, e nessun limite di tempo per quanto riguarda la nottata.
Giunto in vetta, sfrutto la luce del tramonto per effettuare una serie di foto utili per realizzare un piccolo filmato in cui è possibile scorgere i pianeti più interni Venere e Mercurio (il primo più in basso a destra rispetto al secondo)…


video


…e preparare il telescopio Marcon in configurazione Cassegrain per rendermi conto delle potenzialità della serata: Saturno, famoso gigante con gli anelli, ingrandito 180 volte dava bella mostra di sé. La divisione fra gli anelli scoperta da Giandomenico Cassini era chiara così come le striature presenti sul pianeta, che voglio ricordare non ha superficie solida essendo composto per la maggior parte da idrogeno ed elio.
Lo stesso Cassini scoprì inoltre quattro dei satelliti del pianeta, più precisamente Giapeto, Rea, Dione e Teti.
La bellezza del signore degli anelli in versione celeste ha fatto sì che mi attrezzassi per portare a termine l’immancabile servizio fotografico: ecco il risultato finale dopo circa un migliaio di fotogrammi:


Ora non restava che la scelta di una galassia sulla quale puntare l’occhio della CCD unita al telescopio in configurazione Newton: data la bellezza e spettacolarità dei colori, visibili comunque solo in foto, il soggetto preso in considerazione è stato M51, nominata anche Galassia Vortice, all’interno della costellazione dei Cani da Caccia.
Mentre la strumentazione eseguiva istantanee in autonomia, esco per ammirare la via Lattea, non visibile dalle città a causa dell’inquinamento luminoso. In questa regione di cielo vi è un’altissima concentrazione di stelle poichè direzioniamo lo sguardo proprio dove il loro numero aumenta considerevolmente, cioè verso il centro della nostra galassia. Nella prima foto con durata di 30 secondi, è possibile ammirare la quantità indescrivibile di stelle presenti, mentre nella seconda sono state messe in risalto le stelle maggiormente visibili, da cui emergono Vega, Deneb e Altair (appartenenti rispettivamente alle costellazioni della Lira, del Cigno e dell’Aquila) che formano il cosiddetto triangolo estivo.

Via Lattea - Nikon D300, 12-24mm @12mm, foto Matteo Reggidori


Triangolo Estivo nella Via Lattea - foto Matteo Reggidori

Le circa due ore di esposizione (suddivisi fra canali R-G-B, HA, OIII e dark frame, questi ultimi due poi non utilizzati) e la successiva elaborazione al pc hanno portato a questo risultato:

M51 - d=500mm, foc.2450mm, CCD Atik 11000 + autoguida - foto Matteo Reggidori


Al termine delle riprese, intravedendo una discreta riuscita delle immagini e vista l’ora tarda (circa le 3) ho chiuso la specola e preparato tutto per il viaggio di ritorno, certo che la volta stellata di Monteromano sia pronta ad accoglierci per un ulteriore ed emozionante viaggio fra stelle, pianeti e oggetti del profondo cielo!

Ciao!

Matteo.

mercoledì 5 giugno 2013

Ritorna il sito www.marcomenichelli.it (in memoria)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Apprendiamo dal figlio (DAVID MENICHELLI) di Marco Menichelli che il sito www.marcomenichelli.it è stato ripristinato in virtù della grande richiesta da parte di astrofili di poter continuare a consultarlo ed anche in memoria dell'apprezzato impegno profuso con passione da Marco per l'astronomia.

Ringraziamo quindi la famiglia Menichelli rinnovando la nostra stima per Marco.

vedasi anche articolo precedente ANTARES NOTIZIE :

sabato 1 giugno 2013

La via Lattea vista dalla laguna di Moorea, Polinesia Francese

Il tuo giudizio : 
3 COMMENTA LA NOTIZIA
Il cielo riesce a dare tantissime emozioni qui agli antipodi o quasi dell'Italia! Ora mi trovo all'Intercontinental resort di Moorea, albergo di lusso magnificamente posizionato sulla splendida  laguna che circonda è
seconda isola più grande della Polinesia Francese. Mi trovo nella porzione nord dell'isola.

E appunto perchè mi trovo a nord, guardando in direzione nord (l'opposto rispetto a noi!) ho visto una magnifica Via Lattea, con in alto riconoscibile la Croce del Sud e il sacco di Carbone, mentre alla loro sinistra si notano le due puntatrici, alfa e beta del Centauro. Se lo riconoscete, in alto a sinistra noterete, il pungiglione dello Scorpione!

Nonostante l'inquinamento luminoso, direi che il cielo promette bene da queste parti! Moorea è inoltre il paradiso dei fotografi, dato che tutti gli impianti elettrici sono stati interrati! Niente fili in giro per l'isola, veramente una bella cosa che un paese come l'Italia dovrebbe adottare, visti i danni colossali al paesaggio inflitti dalle linee dell'alta tensione....

A presto
Enrico

Eventi astronomici del mese - Giugno 2013

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Questi i principali eventi astronomici del mese di giugno 2013.
Luna
8 giugno: Luna nuova (ore 17e58 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 403˙077 km
16 giugno: primo quarto di Luna (ore 19e27 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 382˙607 km
23 giugno: Luna piena (ore 13e35 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 362˙792 km
30 giugno: ultimo quarto di Luna (ore 06e56 tempo locale)
Distanza Terra-Luna: 381˙977 km
Piogge meteoriche
Nessuna di particolare rilevanza.
Pianeti
Mercurio è visibile per gran parte del mese in prossimità dell’orizzonte nord-occidentale nella costellazione dei Gemelli, tra le ultime luci del tramonto. Il 12 giugno è alla massima elongazione orientale allontanandosi dal Sole, verso est, poco più di 24 gradi. Prospetticamente sembra sfuggire verso alto al più luminoso Venere, per essere poi affiancato e superato verso il 20 del mese. Nell’ultima settimana risulta inosservabile per la notevole vicinanza alla nostra stella.
Venere è visibile, come Mercurio, al tramonto tra ovest e nordovest. Pur allontanandosi continuamente dal Sole, tramonta appena 90 minuti dopo la nostra stella anche a fine mese, a causa della progressiva e sfavorevole inclinazione dell’eclittica vicino all’orizzonte occidentale. Fin dai primi giorni del mese, passa dalla costellazione del Toro a quella dei Gemelli e a fine mese transita ad appena 5 gradi dalla stella Polluce.
Marte riappare tra le luci dell’alba, tra le stelle del Toro, anche se rimane piuttosto basso sull’orizzonte nord-orientale. La mattina del 7 giugno forma un bel quadretto con le Pleiadi e una sottilissima falce lunare (fase calante al 2%).
Giove è praticamente inosservabile per la vicinanza al Sole. Infatti il 19 giugno è in congiunzione con la nostra stella.
Saturno è l’attrazione principale di queste notti di giugno, essendo già alto in cielo quando inizia ad imbrunire. E’ facilmente rintracciabile vicino alla stella Kappa della Vergine, dove brilla con magnitudine compresa tra +0,3 e +0,5.
Urano è rintracciabile nelle ultime ore della notte tra le stelle dei Pesci, vicinissimo alla costellazione della Balena.
Nettuno è rintracciabile per buona parte della notte nel bel mezzo della costellazione dell’Acquario. Il 7 giugno è stazionario, prima di assumere il moto retrogrado che prepara l’opposizione del 2013.
Altri fenomeni
10 giugno: congiunzione Luna-Venere-Mercurio. Una sottilissima falce lunare crescente (fase al 4%) fa compagnia ai due pianeti più interni del Sistema Solare, ovvero Mercurio, più in alto con magnitudine +0,4, e Venere, un poco più in basso ma con magnitudine -3,9. Bellissima configurazione tra ovest e nordovest, piuttosto bassa sull’orizzonte, nella costellazione dei Gemelli. Fanno da corona alla congiunzione, da ovest verso nordovest, le stelle Procione (Cane Minore), Polluce e Castore (Gemelli) e Capella (Auriga).
19 giugno: congiunzione Luna-Saturno. Il nostro satellite (fase crescente all’82%), quasi a metà strada tra la brillante Spica (Vergine) e Zubenelgenubi (l’ago della Bilancia), accompagna in cielo per tutta la notte il Signore degli Anelli.
21 giugno: solstizio d’Estate (ore 06e53 tempo locale, ovvero alle ore 04e53 Tempo Universale). Il Sole raggiunge la massima altezza in cielo, alle nostre latitudini poco meno di 70°, per cui rimane sopra l'orizzonte il maggior numero di ore nell'arco di una giornata: quasi 15ore e 30minuti, dal momento che sorge alle ore 5e30 e tramonta alle ore 21e00. Tuttavia, per effetto della differente velocità orbitale (seconda legge di Keplero), il giorno in cui il Sole sorge prima è il 16 giugno mentre il giorno in cui il Sole tramonta più tardi è il 26 giugno.
21 giugno: congiunzione Venere-Mercurio al tramonto, tra ovest e nordovest. Il piccolo e veloce Mercurio, di ritorno dalla massima elongazione orientale, affianca il luminosissimo Venere, avvicinandosi a poco più di 2 gradi. Appena più verso nord, a completare una bella configurazione, Polluce e Castore che vanno a tramontare. Anche in questo caso servono orizzonti liberi e puliti.
Attività Antares
 http://www.osservatorioastronomico.info/
Sabato 8 giugno
Serata pubblica Osservatorio Monte Romano
Ultime costellazioni di Primavera
Sabato 29 giugno
Serata pubblica Osservatorio Monteromano
La notte di Saturno"
By Daniela e Angelo