martedì 12 settembre 2017

Prevista una nuova tempesta geomagnetica per il 13/9

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA


Grazie al potente flare solare di classe X8 avvenuto il 10 settembre scorso, c’è un 75% di probabilità di tempeste geomagnetiche moderatamente forti (di classe G2) previste per il 13 settembre. Questo flare ha spinto una CME nello spazio e ha accelerato uno sciame di protoni energetici verso la Terra.



Le sottili righe bianche presenti nella foto qui sopra, non sono stelle, ma sono protoni solari che hanno colpito la fotocamera digitale della SOHO: una vera e propria bufera di neve digitale!
Quello che ha reso così "radioattivo" questo flare, ha che fare con la posizione di AR2673 al momento dell'esplosione. Il lembo occidentale del Sole è magneticamente ben collegato alla Terra. Normalmente, le tempeste di radiazione solare sono tenute a bada dal campo magnetico del nostro pianeta e dall'alta atmosfera.  Tuttavia in settembre c'è stato un "evento a terra" (GLE, Ground Level Event). I monitor nell'Artico, nell'Antartico e in numerose altre località ad alta latitudine hanno rilevato un aumento di particelle che raggiungono la superficie della Terra: in termini storici, questo è stato un evento a terra relativamente piccolo - solo un millesimo rispetto all'evento del 23 febbraio 1956, il più grande mai misurato. Tuttavia, ciò non significa che il GLE di questo mese sia trascurabile.I passeggeri che volavano su percorsi ad alta latitudine a 12.000 metri durante la prima ora del GLE, hanno assorbito circa il doppio di radiazioni rispetto alla norma. Il  GLE potrebbe aver minacciato qualche guasto all'elettronica di bordo degli aerei, sebbene nulla a confronto del GLE del 1956, che sarebbe molto impegnativo da gestire per i sistemi moderni. Dato che le misurazioni sono iniziate intorno al 1942, sono stati rilevati 73 eventi di radiazione a livello di terra. L'evento del 10 settembre 2017 è ben lontano da essere il più forte, ma è di particolare interesse perché dimostra la necessità di una vigilanza continua anche durante il minimo solare.

lunedì 11 settembre 2017

Cocoon Nebula (Nebulosa Bozzolo, Ic5146)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Ic 5146 è una piccola nebulosa diffusa a forma di "Bozzolo", collocata nel Cigno settentrionale a circa 3.300 anni luce da noi, connessa ad una notevole nebulosa oscura, designata come Barnard 168, che corre verso di essa da nord-ovest.
Quest'ultima è visibile al meglio con un binocolo 20x100, mentre per vedere il "Bozzolo"  occorre un telescopio di 25/30cm abbinato ad un filtro Uhc oppure H-beta (no OIII).
Diverse linee scure sono sovrapposte alla nebulosa Cocoon stessa. All'interno del Cocoon si sta sviluppando un ammasso aperto di giovani stelle. Come altre zone di formazione stellari, la Nebulosa Cocoon è allo stesso tempo una nebulosa ad emissione, una nebulosa a riflessione ed una nebulosa ad assorbimento. La stella centrale della nebulosa, che si è formata circa 100.000 anni fa, fornisce ora la fonte di energia per la maggior parte della luce emessa e riflessa della nebulosa. La struttura globulare della Nebulosa Cocoon è rara in questa parte della Via Lattea, dominata da grandi regioni diffuse HII.

 

domenica 10 settembre 2017

Addio AR2673?

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
La regione attiva AR2673 si è materializzata con una velocità sorprendente il 3 settembre scorso. Tre giorni dopo ha scatenato la più forte eruzione solare da più di un decennio ad oggi, un'eruzione di classe X9.3 che ha lanciato una CME direttamente sulla Terra. Ma purtroppo questa regione attiva ora è scomparsa dal lato a noi visibile, iniziando un viaggio di due settimane attraverso la parte posteriore del Sole.
Riapparirà fra 14 giorni a partire da oggi? E come sarà?
Domanda a cui si potrà rispondere solo fra un paio di settimane.
Se la regione attiva riapparirà, avrà una nuova numerazione, anche
se in realtà è sempre la stessa.
Ieri il nostro socio Michele Brusa è riuscito ad immortalare un ultimo saluto
che ci ha regalato questa stupenda regione attiva, un getto di plasma che con uno
slancio ha abbandonato il Sole.
Questo grazie ad un flare solare di classe C1.5 avvenuto alle 9:27 locali del 9 settembre.
Immagini elaborate da Roberto Baldini.





I

Nebulosa Bolla (Ngc 7635)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Soffiato dal vento proveniente da una stella massiccia, questo fantasma interstellare ha una forma sorprendentemente familiare.
Catalogata come NGC 7635, è anche conosciuta più semplicemente come Nebulosa Bolla.
Anche se appare delicata, la bolla di 10 anni luce di diametro manifesta le prove di processi violenti in atto. All'interno della bolla vi è una calda stella di tipo O (SAO 20575), centinaia di migliaia di volte più luminosa e circa 45 volte più massiccia del Sole. Un vento stellare impetuoso e l'intensa radiazione dalla stella ha fatto saltare l'assetto del gas incandescente contro il materiale più denso di una nube molecolare circostante.
L'affascinante Nebulosa Bolla e il complesso di nubi associate si trovano a ben 11.000 anni luce di distanza nella luminosa costellazione di Cassiopea.
Immagine ottenuta in tricromia stretta, applicando un set di filtri OIII, SII ed H-alpha.


giovedì 7 settembre 2017

Iris Nebula (Ngc 7023 in Cepheus)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
La Nebulosa Iris NGC 7023 o anche Caldwell 4 ed LBN487, è una nebulosa a riflessione piuttosto brillante che si trova in Cepheus, una costellazione alta nel cielo notturno dell'estate.
NGC 7023 è la designazione dell'ammasso associato alla nebulosa LBN 487, che è illuminata per riflessione dalla stella SAO 19158 che è di magnitudine 7.
La nebulosa Iris ha una magnitudine integrata di +6.8 e si trova nelle vicinanze della stella variabile T-Cephei (tipo Mira), e piuttosto vicina alla stella variabile Beta Cep (Alphirk) che è di magnitudine media +3.2. La nebulosa dista da noi 1300 anni luce ed ha un diametro di circa 6 anni luce, mentre le dimensioni apparenti sono di 18x18 primi.

Le sue coordinate sono: A.R. 21h 01m 35s, DEC +68° 10


M 92

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
La sfortuna di questo bellissimo ammasso globulare è di essere relegato in una zona del firmamento vicina al più maestoso M13. In qualsiasi altra costellazione si fosse trovato, M92 avrebbe rappresentato, di per se stesso, l'attrattiva maggiore.
La sua distanza da noi è pari a 27.000 anni luce che va riducendosi di 120 km ogni secondo.
E' il più settentrionale dei globulari di Messier, e alle nostre latitudini passa prioprio allo zenit: è quindi un oggetto ideale da osservare, le cui componenti esterne possono essere risolte anche con un semplicissimo 114/900.

Le indagini condotte su Messier 92, in particolare sulla composizione delle sue stelle e del suo gas, hanno rivelato che questo ammasso, così come gli altri di questo tipo presenti nella Via Lattea, è assai povero di elementi chimici più pesanti dell’idrogeno e dell’elio. Un indizio che rafforza l’idea secondo la quale gli ammassi globulari, M92 compreso, siano estremamente antichi ed avere età attorno ai 13 miliardi di anni. Ciò  vuol dire che questi giganteschi agglomerati stellari si sarebbero formati appena qualche centinaio di milioni di anni dopo il Big Bang.

Il Sole di oggi, 7 settembre 2017

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Il 6 settembre alle  12:02 UT, la regione attiva AR2673 ha scatenato un importante
flare solare di classe X9.3: si tratta del più forte brillamento solare dell'ultimo decennio.

   (Credit: Solar Dynamics Observatory)

I raggi X e le radiazioni UV provenienti dall'esplosione solare hanno ionizzato
la parte superiore dell'atmosfera terrestre,
causando un forte blackout radio nelle onde corte che ha interessato Europa, Africa e
Oceano Atlantico.


Le immagini coronografiche del "Solar and Heliospheric Observatory"  confermano
che l'esplosione ha anche prodotto una Espulsione di Massa Coronale (CME, Coronal Mass Ejection)
con una componente diretta verso la Terra.
Questa CME probabilmente arriverà sul nostro pianeta l'8 settembre,
portando con sé una elevata probabilità di tempeste geomagnetiche di classe G2 o G3.
Inutile sottolineare l'importanza di osservare il Sole con telescopi halpha in questi
giorni, perchè si tratta di un vero e proprio spettacolo.
Le due foto qui sotto, ottenute oggi da Michele Brusa ed elaborate da Roberto Baldini,
mostrano: foto 1 la regione attiva 2674 e 2673, foto 2 la regione attiva 2673 in dettaglio.




mercoledì 6 settembre 2017

Esteso gruppo di macchie solari e regione attiva AR 2673

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Siamo vicini al minimo solare della nostra stella, ma da alcuni giorni sulla sua superficie si susseguono gruppi di macchie particolarmente estesi e facilmente visibili anche con un semplice telescopio dotato di filtro solare.


Oltre all’esteso gruppo di macchie associato alla regione attiva AR 2674, con una macchia piuttosto grande all’estremità occidentale, negli ultimi giorni ha catturato l’interesse degli osservatori solari un’altra regione attiva denominata AR 2673.
Lo scorso 2 settembre la regione mostrava una singola e piccola macchia solare che inaspettatamente il giorno successivo ha avuto una rapida trasformazione: le dimensioni di questa regione sono rapidamente e vistosamente aumentate e la macchia è diventata una delle più grandi del 2017.
In questa regione si susseguono brillamenti solari di una certa importanza: il 4 settembre se ne sono accesi ben due di classe M1 ed altri potrebbero svilupparsi nelle prossime ore, con emissioni di particelle in grado di raggiungere la Terra e conseguentemente produrre tempeste geomagnetiche e aurore boreali.
Gli appassionati con telescopi solari  possono seguire in prima persona l'evoluzione futura di questo gruppo di macchie, così come abbiamo fatto oggi io e Roberto Baldini. L'immagine qui sotto è stata ottenuta oggi 6 settembre, dall'Osservatorio di Monteromano con un telescopio halpha.



martedì 5 settembre 2017

La stella che sconvolgerà il nostro Sistema Solare

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Apparentemente è innocua, si chiama Gliese 710  ed è una piccola stella (più piccola del Sole con una massa pari a 0,67 masse solari) che brilla di magnitudine 9,69 nella costellazione del Serpente, più precisamente nella porzione della "coda" alla sinistra di Ofiuco.

I dati forniti da Hipparcus, il satellite che ha misurato le parallassi di oltre 118.000 stelle nel braccio della Via Lattea in cui si trova il Sole, indicano che questo astro si trova a 62 anni luce da noi.

Perchè allora questo titolo allarmistico? In realtà Gliese 710 è una stella che possiede un "blue shift" e cioè il suo spettro è spostato verso il blu, segno che questa stella si sta avvicinando al sistema solare.

Gli ultimi dati forniti questa volta dal satellite Gaia dell'ESA indicano che la stella si sta avvicinando con una velocità relativa di -13,8 km/sec e con una traiettoria che la porterà ad avvicinarsi molto  al Sole, per lo meno molto di più  rispetto a quanto si pensava dalla prima analisi dei dati di Hipparcos.

Niente paura, il transito di Gliese 710 avverrà tra 1,35 milioni di anni (!) quindi NESSUN PERICOLO fino allora per il nostro pianeta, ma lo scenario previsto è piuttosto interessante => all'epoca la stella andrà a splendere di magnitudine -2,7 (stima di Filip Berski e Piotr Dybczyńskim) e sarà quindi il secondo astro della sera dopo Venere! Questo perchè verrà a trovarsi ad appena 77 giorni luce dal Sole! Tenendo che adesso la stella più vicina si trova a poco meno di 4 anni luce, questo avvicinamento risulterà davvero straordinario.

77 giorni luce corrispondono a circa 0,2 anni luce di distanza, quindi nessun rischio di collisione, ovviamente, ma Gliese 710 andrà a spazzare la Nube di Oort, e questa cosa non sarà da sottovalutare: migliaia di "comete dormienti" in tranquilla orbita di parcheggio intorno al Sole potrebbero iniziare (e avranno già iniziato nei millenni precedenti) a muoversi verso l'esterno e l'interno del Sistema Solare

Se il lato positivo sarà quello che le generazioni di allora vedranno i loro cieli diventare altamente spettacolari, adornati dello splendore di Gliese 710 e dal transito sulla volta celeste di un numero crescente di comete, il rovescio della medaglia sarà un elevato rischio di pericolose collisioni di molte comete con i pianeti del Sistema Solare.

Alcuni calcoli preliminari, tutti da confermare, indicano che il transito di Gliese 710 potrà fare aumentare, da un mero punto di vista statistico, il numero totale di tutti crateri sulla Terra di circa un + 5% rispetto al numero totale attuale. Grosso modo il nostro pianeta potrà rischiare dalle 5 alle 10 collisioni cometarie? Forse no, ma tenete conto che la stessa Cintura di Kuiper potrebbe venire perturbata!

Sarà Gliese 710 la nostra Armageddon? E' una ipotesi sia affascinante che inquietante, anche se interesserà solo gli eventuali abitanti  di una Terra dal futuro lontanissimo, solamente  tra 1 e 2 milioni di anni a venire...chi vivrà vedrà! :-)

Ricordiamo, comunque, che altre stelle si avvicineranno al sole, più o meno una dozzina, ma Gliese 710 sarà quella che transiterà più vicino al nostro Sistema Solare...

***

domenica 3 settembre 2017

Nebulosa Dumbbell in HOO Palette e Hubble Palette

Il tuo giudizio : 
1 COMMENTA LA NOTIZIA

La Nebulosa Manubrio (nota anche come Nebulosa DumbBell, dalla corrispondente denominazione inglese o con la sigla di catalogo M 27) è una celebre e brillante nebulosa planetaria visibile nella costellazione della Volpetta.

Riporto qui sotto la descrizione di Charles Messier:
"Il 12 luglio 1764 ho lavorato alla ricerca di nebulose e ne ho scoperta una in Vulpecula fra le due zampe anteriori, molto vicina alla quattordicesima stella di questa costellazione secondo il catalogo di Flamsteed; la si vede molto bene con il rifrattore non acromatico di 3 piedi e mezzo di focale. L'ho esaminata a 104 ingrandimenti con un telescopio gregoriano: appariva ovale e non conteneva alcuna stella, ha diametro di circa 4 minuti di grado. Ho comparato questa nebulosa alla stella vicina che ho appena nominato: ne è risultata una ascensione retta di 279° 21' 41" ed una declinazione settentrionale di 22° 04' 41" [Charles Messier, da: "Un viaggio nella Astronomia del '700"].

Come si potrà notare, la descrizione di Charles Messier è concisa, ma abbastanza riduttiva nei confronti di una delle più belle nebulose del cielo in assoluto. E' stata chiamata "Dumb-Bell" in quanto nelle fotografie a lunga posa ricorda un manubrio per il sollevamento pesi (con un pò di immaginazione, però!). La Dumbell (M27) non ha un aspetto "planetario" nel senso classico, ma sembra più che altro formata da due fusi di luce disomogenei e con bordi esterni abbastanza definiti.
La nebulosa dista circa 1.360 anni luce da noi, è di magnitudine apparente 7,5 e ha un diametro apparente di 8' x 5,6'.
Nel 1970 fu calcolata la velocità di espansione reale, pari a 31 km/s. Dal suo raggio di poco più di 1 anno luce e dalla sua velocità di espansione, si può calcolare a ritroso il tempo necessario per arrivare a tali dimensioni, che risulta essere di 9.800 anni.
Quindi la DumbBell ha avuto origine, appunto, 9.800 anni fa.




L'immagine qui sopra della Dumbbell non è stata ottenuta in colori reali, ma con particolari filtri selettivi a banda stretta per metterne in rilievo i dettagli.

Ho eseguito due differenti riprese, una con un filtro idrogeno-alfa (H-alpha) e un'altra con il filtro ossigeno III (OIII); successivamente ho elaborato l'immagine finale unendo le due differenti riprese, con la cosiddetta HOO Palette
A differenza della Hubble Palette che associa il rosso allo zolfo SII, il verde all'H-alpha e il blu all'OIII, l'HOO Palette associa il rosso all'H-alpha e il verde e blu all'OIII.



L'immagine qui sopra è sempre stata ottenuta con la Hubble Palette; mi è stato sufficiente aggiungere un'immagine ottenuta con lo zolfo SII alle altre due fatte precedentemente in H-alpha e OIII, e sostituire l'abbinamento colore dei 3 filtri. Ossia ho associato il rosso allo zolfo SII, il verde all'H-alpha e il blu all'OIII. Ho così ottenuto un'immagine più dettagliata, ma meno delicata e quindi meno gradevole alla vista.

sabato 2 settembre 2017

NGC 7006, un ammasso globulare posto nella costellazione del Delfino

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Tra gli ammassi globulari, NGC 7006 è uno dei più distanti, essendo lontano più di 135.000 anni luce.
In questa foto da me ottenuta con una Nikon D7000 applicata al telescopio, si vedono a centro immagine delle lontanissime galassiette di campo. Sono galassie intorno alla 17esima magnitudine o più deboli, per cui ritengo che la reflex abbia lavorato molto bene, nonostante nell'immagine sia visibile del rumore/noise (ossia l'insieme di segnali in tensione o corrente elettrica indesiderati che si sovrappongono al segnale utile trasmesso).
Questa immagine è il frutto della media (average) di 25 pose da 3 minuti l'una, per un totale di 75 minuti di posa.
Sicuramente esponendo per un paio d'ore o più, l'immagine sarebbe risultata più "pulita".


Nebulosa Nord America, Ngc 7000

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Osservando ad occhio nudo la zona posta a 3° Est dalla luminosa αlpha Cyg (Deneb), si può notare un debole rinforzo della Via Lattea, appena percettibile ed esteso circa 1°. Le condizioni di trasparenza devono essere molto buone, sotto un bel cielo scuro di montagna, se si vuole avere successo nell'impresa.
Si tratta della parte più luminosa di un vasto complesso di nubi gassose che comprende la Nebulosa Nord America (Ngc 7000), la Nebulosa Pellicano (Ic 5067/70) e la sacca oscura di polveri LDN 935. 
La Nebulosa Nord America venne battezzata così da M. Wolf e la regione di questo nome diventa evidente non appena si dia uno sguardo ad una fotografia dell'oggetto.


Astrometria di asteroidi

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Migliori immagini e ricostruzioni 3D dell'asteroide 3122 Florence, recentemente balzato alle cronache mondiali per il suo passaggio ravvicinato alla Terra (18 volte più lontano della distanza Terra-Luna)

Per ottenere una misura astrometrica di un asteroide, occorre acquisire tre immagini, prese a distanza di circa 10 minuti l'una dall'altra, onde evidenziare il moto del pianetino tra le stelle (la distanza temporale tra le immagini dipende dalla focale dello strumento e dal moto proprio dell'oggetto). Una volta ottenuti i tre frame, si puo' passare alla fase di misura, durante la quale l'operatore
indica al software quali sono le stelle di riferimento scelte e quale e' l'asteroide (alcuni programmi lavorano in automatico). Una volte ottenuta la misura precisa, occorrerà compilare un file di testo contenente il nome dell'oggetto osservato, il tempo e la sua posizione, e infine inviarlo al Centro tramite posta elettronica.

Prima di concludere voglio solo accennare alla possibilita' di imbattersi, nel corso delle osservazioni, in asteroidi a prima vista sconosciuti. Prima di pensare ad una nuova scoperta, occorre verificare che davvero gli archivi del MPC non contengano questo potenziale nuovo corpo. Si puo' utilizzare un apposito servizio on-line. Qualora questa verifica sembri confermare la scoperta, occorre ripetere le osservazioni la notte successiva, dato che il MPC non rilascia designazioni relative a nuovi oggetti se non dopo aver ricevuto dati ottenuti in due notti indipendenti. Sara' il Centro a comunicare, dopo accurati controlli, l'esito della segnalazione.

lunedì 28 agosto 2017

La Nebulosa Pellicano (IC 5067/70), nel Cigno

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

Vicino a Deneb, a circa 1,5° Ovest da Ngc 7000 (Nebulosa Nord America),  si trova una bellissima Nebulosa chiamata "Pellicano" per il suo aspetto nelle fotografie a lunga posa.
E' più debole e meno estesa della Nebulosa Nord America, ma è molto ricca di piccoli dettagli, soprattutto nelle zone nord e nord-est. E' praticamente a cavallo dell'equatore galattico e la stella 56 Cyg, posta al suo centro (però leggermente al di fuori dal campo di questa foto), permette di individuare con molta precisione il piano principale della nostra galassia.
La stella luminosa ben visibile in questa foto, è invece la 57 Cyg.
La nebulosa è difficilmente osservabile visualmente anche sotto ottimi cieli. Con l'ausilio di un filtro OIII si rendono però visibili alcuni particolari, tra cui il "becco" del Pellicano.
La Nord America e la Pellicano sono in realtà un'unica nebulosa. E' infatti la sacca di polveri oscure LDN 935 che divide questa immensa nube di idrogeno (quasi 100 anni luce di diametro) in due parti distinte.
I confini della nebulosa oscura possono essere tracciati in una qualunque fotografia a largo campo, perchè il numero di stelle presenti in quella regione cala moltissimo.
La Nebulosa Pellicano non raggiunge i 40 anni luce di estensione e la distanza da noi è di circa 1900 anni luce; è evidente che la LDN 935 deve trovarsi interposta e perciò sarà certamente più vicina.


Cosa osservare nelle prossime sere col Diemme (Marcon)

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA

NGC 6905 - Collocata nella piccola costellazione del Delfino, NGC 6905 è una nebulosa planetaria molto interessante sotto il profilo morfologico. In fotografia svela una luminosità molto irregolare con una zona centrale molto frammentaria a struttura reticolata. Ad un attento osservatore, questa immagine può anche mostrare, lungo l'asse maggiore dell'ellisse, due lobi conici che trasformano la nebulosa ellittica in nebulosa bipolare.
Misure spazio-cinematiche fanno presupporre che i due lobi esterni si espandono più velocemente rispetto alla zona centrale.

Questa nebulosa è molto interessante anche da osservare visualmente a 200x, soprattutto quando si ha a disposizione un telescopio da 50cm come quello di Monte Romano.



sabato 26 agosto 2017

Cosa osservare questo mese al binocolo

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
LA GRANDE GALASSIA DI ANDROMEDA - Uno dei primi oggetti che il neofita osserva è certamente la "Grande Galassia d'Andromeda". La fama di questa galassia è tale da renderla immancabile in qualsiasi testo divulgativo di astronomia e spesso anche riviste non direttamente collegate alla scienza delle stelle riportano foto di M31. Ciò è ampiamente giustificato da molte sue caratteristiche: è la galassia più luminosa ed estesa del nostro emisfero, è la più importante del "Gruppo Locale" (di cui anche noi facciamo parte) ed è anche l'unica che può essere scorta facilmente senza alcun ausilio ottico. Proprio per quest'ultimo motivo i testi antichi, più di una volta, citano la presenza di una strana "nuvoletta" nella costellazione di Andromeda, che non può che essere M31. L'astronomo arabo Al-Sufi, attorno all'anno 1.000, fa esplicito riferimento a questa stella bizzarra che appare di aspetto diffuso all'osservatore ad occhio nudo. Con una vista buona, e in ottime condizioni, si riesce ad individuarla 1,5° ad O della stella 35 And (Nu And), di quinta magnitudine.
Con un po' di attenzione si riesce a "staccarla" dal fondo cielo, per circa 1°.

Il miglior modo per osservarla è sicuramente utilizzando un binocolo (col maggior diametro possibile), e le sere di fine estate sono perfette perché la Galassia d'Andromeda si trova ad un'altezza che ne permette una comoda osservazione senza rischiare il torcicollo. Infatti, intorno alla mezzanotte, si trova a circa 50° d'altezza.
Ma indipendentemente dallo strumento utilizzato, la cosa più importante è riflettere su cosa si sta osservando: si tratta di una intera galassia, e non di un oggetto della nostra Via Lattea. Questa galassia si trova a 2,5 milioni di anni luce da noi e ha un diametro di 200.000 anni luce. Si pensa che contenga 400 miliardi di stelle.
Al binocolo si può notare come la maggior parte della sua luce provenga dal nucleo centrale brillante; i bracci a spirale della galassia sono molto più deboli.
Interessante è sapere che fra circa 4,5 miliardi di anni, quando il nostro Sole sarà in fase di gigante rossa, molto probabilmente la nostra Via Lattea si scontrerà con la Galassia d'Andromeda. Quest'ultima infatti si sta avvicinando a noi a 120 Km/sec.
Ma difficilmente si verificherà uno scontro fisico fra le singole stelle delle due galassie... se ci immaginiamo il Sole grande come una ciliegia e lo collochiamo nel centro di Bologna, la "ciliegia" più vicina, Proxima Centauri, la dovremo collocare a Rimini per mantenere le giuste proporzioni!







venerdì 25 agosto 2017

Nevicate... marziane!

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Una nevicata...marziana!
La camera HiRISE, prima che venisse montata sul MRO
lanciato in orbita intorno al Pianeta Rosso
L'immagine che vedete è stata scattata il 21 maggio 2017 dalla camera HIRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) del Mars Reconnaisance Orbiter, una sonda che dal 2006 orbita intorno a Marte ad un altitudine compresa tra i 200 ed i 400 km e consente di ottenerne immagini ad altissima risoluzione dalla superficie del Pianeta Rosso, fino al punto di permettere la risoluzione di oggetti grandi appena un metro nello spettro del visibile e oggetti fino a 30 cm nell'infrarosso!

In questa bellissima e dettagliatissima immagine si possono notare le dune rossastre tipiche della superficie di Marte ricoperte di sottili strati di neve e ghiaccio: a differenza della Terra, dove neve e ghiaccio sono composti di acqua, su Marte abbiamo distese di diossido di carbonio, noto anche con il nome di anidride carbonica. Si tratta del cosiddetto "ghiaccio secco"!




giovedì 24 agosto 2017

Elon Musk presenta le nuove tute spaziali SpaceX!

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
La prima immagine della nuova tuta spaziale della SpaceX, dal profilo Instagram di Elon Musk
Direttamente dal suo profilo Instagram Elon Musk, fondatore, amministratore delegato e direttore tecnico della SpaceX (oltre che fondatore e Presidente del consiglio di amministrazione della Tesla Motors) presenta al mondo la prima immagine della nuova tuta spaziale progettata dalla sua impresa.

La "Sokol", tuta spaziale attualmente in dotazione
agli astronauti da/verso la ISS
Scrive Musk, a commento della foto: "Prima immagine della tuta spaziale SpaceX. Ne arriveranno altre nei prossimi giorni. Vale la pena notare che questa è una tuta già funzionante (non è un modello in scala). Questo modello è già stato testato in una camera a vuoto. Incredibilmente difficile è stato dover bilanciare estetica e funzionalità: sarebbe stato più semplice perseguire l'una o l'altra separatamente".

Si tratta dunque di un modello già testato, che in futuro sarà indossato dagli astronauti nelle fasi di decollo e di rientro, ma che sono inadatte alle attività extra-veicolari (EVA): in pratica questa tuta è analoga alle attuali "Sokol" russe che utilizzano attualmente gli astronauti in viaggio verso la ISS/in ritorno a Terra, ma ha come obiettivo una maggiore libertà di movimento degli astronauti che la indossano, che attualmente sono costretti a compiere movimenti più rigidi a causa della struttura delle tute attualmente in dotazione.

Perché gli astronauti devono indossare queste tute?

In fase di decollo o rientro può avvenire una depressurizzazione improvvisa della navetta che può provocare la morte degli astronauti per esposizione al vuoto, come successe il 29 giugno 1971 all'equipaggio della Soyuz-11, che rientrava dopo una missione che portò per la prima volta degli uomini a bordo di una stazione orbitante (la Saljut 1, che dopo questa missione non ricevette più "ospiti" fino al suo rientro distruttivo in atmosfera nell'ottobre dello stesso anno): la perdita di aria dalla cabina della Soyuz provocò il rapido svenimento e la morte per soffocamento degli astronauti, senza contare i danni ai tessuti e l'ebollizione del sangue dovuti ai 700 secondi di esposizione al vuoto. Le tute pressurizzate servono proprio a questo: mantengono costante la pressione degli astronauti anche in caso di decompressione improvvisa, impedendone la morte quasi istantanea e permettendo loro di sopravvivere il tempo necessario per effettuare un rientro sicuro, anche considerando che, se l'ossigeno all'interno della tuta a tenuta stagna non dovesse bastare, queste tute possono essere collegate ai serbatoi dell'ossigeno!

L'equipaggio della expedition 42-43 prima di una simulazione a terra di depressurizzazione improvvisa della Soyuz. Da sinistra verso destra ci sono Terry Virts, Anton Shkaplerov e Samantha Cristoforetti, tutti dentro la Sokol: presto saranno sostituite dalle nuove tute della SpaceX?


Confermata la sospensione della serata di apertura al pubblico del 26 agosto

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Amici di Antares,

a seguito delle numerose richieste per Sabato sera, siamo costretti a ribadire a viva voce la sospensione delle serate di apertura al pubblico ancora previste dal calendario, a causa dei problemi di viabilità, parcheggio, e traffico riscontrati durante la serata del 12 agosto.



Come sapete ci dispiace tantissimo aver dovuto prendere una decisione così drastica, dato che siamo i primi ad essere contentissimi delle attività divulgative che compiamo in osservatorio, e anche del crescente successo che le nostre serate di apertura al pubblico hanno dimostrato di ottenere in questi ultimi anni: ma dopo i problemi del 12 agosto un segnale andava dato, e qualcosa andava fatto.​
Abbiamo ricevuto molte telefonate e messaggi che ci chiedevano di prenotare l'osservatorio per questo Sabato, e ci rincresce dover rispondere a tutti che, come da avviso, questo Sabato l'osservatorio sarà chiuso e se qualcuno dovesse salire non troverebbe nessuno.
Questo significa che non faremo più serate di apertura al pubblico?


ASSOLUTAMENTE NO!

Come associazione stiamo infatti attivamente valutando ogni possibile proposta ed idea per rendere più godibili le nostre serate per tutti i partecipanti, e presto ci riuniremo in modo da prendere delle decisioni definitive: è nella speranza di tutti noi riuscire a "riattivare" le ultime due serate previste a calendario per le date 16 settembre e 14 ottobre!
Perciò mi raccomando: aiutateci a diffondere la notizia, anche attraverso i vari canali social su cui siamo attivi (ci trovate qui: https://www.facebook.com/gruppoastrofiliantaresromagna/), e non disperate: confidiamo di tornare a mostrarvi e a raccontarvi le stelle nel più breve tempo possibile!

In caso di aggiornamenti, che arriveranno sicuramente entro una ventina di giorni, sarete aggiornati tramite la mailing list e tutti i profili social dell'associazione.

Speriamo che possiate capirci e portare pazienza ancora per un po': nel frattempo, a tutti quanti voi un augurio sincero di cieli sereni!

mercoledì 23 agosto 2017

Scattata la prima immagine dettagliata di una stella fuori dal Sistema Solare!

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
L'immagine ottenuta dal team di astronomi, che mostra la superficie e l'atmosfera della stella Antares, che tra le altre cose ha prestato il suo nome alla nostra Associazione di astrofili!

Utilizzando il Very Large Telescope in dotazione all'ESO (European Southern Observatory) gli astronomi hanno scattato l'immagine più dettagliata di sempre di una stella al di fuori del Sistema Solare, e hanno scelto una stella che per noi è molto speciale: la supergigante rossa Antares!
Gli scienziati hanno anche redatto la prima mappa dei moti superficiali nell'atmosfera di una stella diversa dal nostro Sole, rivelando turbolenze del tutto inaspettate nell'enorme ed estesa atmosfera di Antares. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

La posizione di Antares all'interno della
costellazione dello Scorpione


Vista ad occhio nudo la famosa e brillante stella Antares splende di un forte colore rosso, nel cuore della costellazione dello Scorpione. Si tratta di una enorme ed anche relativamente fredda supergigante rossa nella fase finale della sua vita, volta verso la sua trasformazione in supernova.[1].





Un team di astronomi, diretti da Keiichi Ohnaka, della Pontificia Università Cattolica del Cile, ha utilizzato l'interferometro del Very Large Telescope dell'ESO (VLTI) all'osservatorio Paranal in Cile al fine di mappare la superficie di Antares e di misurarne i mori superficiali, ottenendo la migliore immagine della superficie e dell'atmosfera di una stella diversa dal nostro Sole mai scattata prima.

I quattro telescopi principali
 che compongono il VLTI
Il VLTI è una struttura unica che permette di combinare la luce di fino a 4 telescopi (o i 4 telescopi da 8.2 metri di diametro, o i più piccoli telescopi ausiliari), al fine di creare un telescopio virtualmente equivalente ad un singolo specchio avente un diametro superiore ai 200 metri, permettendo di risolvere dettagli molto precisi rispetto a quelli visibili con l'ausilio di un solo dei telescopi.

Come mai le stelle del tipo di Antares perdano massa così rapidamente nella fase finale della loro esistenza è stato un problema per oltre mezzo secolo” ha dichiarato Keiichi Ohnaka, che è anche l'autore principale della ricerca: “Il VLTI è l'unica struttura che consente di misurare direttamente i movimenti dei gas nell'atmosfera espansa di Antares — si tratta di un passo di cruciale importanza per la risoluzione di questo problema. La prossima sfida sarà di identificare ciò che guida tali moti così turbolenti.

La mappa bidimensionale dell'atmosfera di Antares
Usando i nuovi risultati il team di astronomi ha creato la prima mappa bidimensionale dell'atmosfera di una stella diversa dal Sole: ci sono riusciti utilizzando il VLTI con tre dei telescopi ausiliari e uno strumento chiamato AMBER per creare diverse immagini della superficie di Antares in una ristretta gamma di luce nell'infrarosso. Il team ha usato questi dari per calcolare la differenza tra la velocità dei gas atmosferici in differenti posizioni della stella e la velocità media sull'intera stella [2]. Ciò ha condotto ad una mappa della velocità relativa dei gas atmosferici intorno all'intero disco di Antares — il primo mai creato per una stella diversa dal nostro Sole.

Gli astronomi hanno scoperto turbolenti gas a bassa densità ben più lontano dalla stella di quanto fino ad ora immaginassimo, e hanno concluso che tale movimento non può risultare dalla convezione [3], che è il movimento in larga scala di materia che trasferisce energia dal nucleo all'atmosfera più esterna in molte stelle. Essi ritengono che un nuovo, attualmente sconosciuto, processo potrebbe essere richiesto per spiegare questi moti nelle atmosfere estese delle supergiganti rosse come Antares.

In futuro, questa tecnica osservativa sarà applicabile a diversi tipi di spelle al fine di studiarne le loro superfici e atmosfere con dettagli mai visti prima d'ora, fino adesso destinati solamente al nostro Sole” conclude Ohnaka. “Il nostro lavoro sta portando l'astrofisica stellare verso una nuova dimensione e apre una finestra di osservazione delle stelle interamente nuova.

Note

[1] Antares è ritenuta essere dagli astronomi una tipica supergigante rossa. Queste enormi stelle morenti sono composte da una massa pari alle 9-40 volte quella del Sole. Quando una stella diviene una supergigante rossa, la sua atmosfera si estende verso l'esterno diventando larga e luminosa, ma a bassissima densità. Antares in questo momento ha una massa circa 12 volte maggiore di quella del Sole ed un diametro circa 700 volte più largo. Si ritiene che inizialmente Antares possedesse circa 15 masse solari, ma che ne abbia disperso materia pari a circa 3 masse solari durante tutta la sua vita.

[2] La velocità del materiale in direzione o in allontanamento dalla Terra può essere misurata tramite l'effetto Doppler, che sposta le line spettrali o verso la parte rossa o verso quella blu dello spettro, a seconda che il materiale che emette/assorbe luce stia allontanandosi o avvicinandosi dall'osservatore.

[3] La convezione è il processo nel quale la materia fredda si muove verso il basso mentre la materia calda si muove verso l'alto rispettando patterns circolari. Il processo avviene sulla Terra nell'atmosfera e nelle correnti oceaniche, ma fa circolare anche i gas all'interno delle stelle.



Maggiori informazioni

Questa ricerca è stata presentata in una pubblicazione scientifica intitolata “Vigorous atmospheric motion in the red supergiant star Antares”, di K. Ohnaka et al., pubblicata nella rivista scientifica Nature.

Il team di astronomi è composto da K. Ohnaka (Pontificia Università Cattolica del Cile), G. Weigelt (Istituto Max- Planck per la Radioastronomia, Bonn, Germania) e K. H. Hofmann (Istituto Max- Planck per la Radioastronomia, Bonn, Germania).

ESO è la maggiore organizzazione astronomica intergovernativa in Europa ed il più produttivo insieme di osservatori astronomici costruiti a terra del mondo. Al momento è supportato da 16 nazioni: Austria, Belgio, Brasile, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Finlandia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito, insieme con il Cile che ospita tutta la sruttura. ESO sta attualmente costruendo il telescopio da 39 metri "Extremely Large Telescope" (ELT), che diventerà "il più grande occhio del mondo sul cielo".

Qui, trovate l'intera ricerca pubblicata su Nature (in lingua inglese): https://www.eso.org/public/archives/releases/sciencepapers/eso1726/eso1726a.pdf

sabato 19 agosto 2017

MODIFICA ORARIO APERTURA DIURNA DEL 20 AGOSTO!

Il tuo giudizio : 
0 COMMENTA LA NOTIZIA
Amici di Antares,

ATTENZIONE!

A causa delle previsioni meteorologiche avverse siamo costretti a modificare l'orario di apertura dell'osservatorio astronomico di Monteromano prevista per questa Domenica: infatti è previsto che in mattinata il cielo sarà completamente coperto dalle nubi con rischi di piogge sparse.

Per questa ragione, abbiamo deciso di posticipare l'orario di apertura dell'osservatorio al pomeriggio, dalle 14:30 alle 18:30!

In questo momento, ci serve il vostro aiuto: vi saremmo davvero molto grati se poteste condividere la notizia, spargere la voce, avvisare le persone che sapete essere intenzionate a salire in osservatorio questa domenica... così che nessuno arrivi in mattinata, trovando l'osservatorio chiuso! 

Orario a parte, il programma rimane pressappoco quello previsto, e quindi non ci resta che darvi appuntamento per Domenica 20 agosto, dalle 14:30 alle 18:30 per ammirare il Sole e le stelle di giorno! 

L'evento è anche sul nostro profilo ufficiale Facebook a questo link: https://www.facebook.com/events/406309996437063/

Cieli sereni a tutti!


venerdì 18 agosto 2017

Il Sole di oggi 18 agosto 2017

Il tuo giudizio : 
2 COMMENTA LA NOTIZIA
In questi giorni la regione attiva AR2671 si estende attraverso la superficie del Sole con i suoi 160.000 Km di larghezza. Un motivo più che sufficiente per preparare stamattina il mio telescopio solare in h-alpha , un Lunt80 con una lente di 8cm di diametro. Come dispositivo fotografico niente webcam o reflex, ma un semplicissimo smartphone Samsung J7, con la possibilità di fissarlo all'oculare tramite apposito accessorio.




Una volta centrato il Sole e accostato l'occhio all'oculare, ho avuto una bellissima sorpresa: una enorme mano spettrale, formata da plasma modellato dai forti campi magnetici, si estendeva fuori dal disco del Sole,  come a volere accogliere la Luna mentre si sta avvicinando per l'eclissi di lunedì.


Sul suo lembo est, il Sole ha fatto mostra di sé in tutta la sua gloria atomica. Una luminescenza gassosa  grande e allungata per diverse decine di migliaia di Km, detta protuberanza, si è sporta all'infuori della nostra stella come un'esca da pesca, filamento nebuloso che sfida la gravità e lotta per liberarsi dal Sole.
In questa bella e calda giornata di Sole, il mondo in cui viviamo sembra proprio perfetto per noi. Ed è proprio per questo che dobbiamo ringraziare il nostro amico Sole.
Non mancate quindi l'appuntamento per domenica 20 agosto presso l'Osservatorio di Monteromano, dalle 9:30 alle 12:30: il Sole promette davvero bene per i prossimi giorni!